Lo strano caso del sommergibile U-28

I sommergibili tedeschi combatterono un’epica battaglia sia nella prima che nella seconda guerra mondiale.

Moltissimi vennero affondati in azione e questa fu pure la sorte toccata all’U-28 nel mar Artico, il 2 settembre 1917.
Quel giorno il sommergibile aveva silurato una grande nave inglese carica di munizioni per la Russia, senza però riuscire ad affondarla e si era avvicinato per finirla col cannone. La seconda cannonata colpì in pieno le munizioni che esplosero con una violenza tale da danneggiare gravemente il sommergibile stesso che affondò. Gli inglesi che avevano abbandonato la nave sulle scialuppe di salvataggio videro alcuni superstiti in acqua ma non riuscirono a (o non vollero) raccoglierli. Scomparve così l’intero equipaggio di 39 uomini.

L’U-28 è rimasto famoso, al di fuori degli ambienti militari, per uno strano episodio accaduto il 31 luglio 1915, al largo dell’Irlanda. In quell’anno, il comandante era il barone von Forstner. Il sommergibile aveva appena affondato la nave inglese Iberian quando si verificò una forte esplosione sott’acqua, forse dovuta all’esplosione della caldaia della nave. Il comandante ed altri cinque ufficiali e sottufficiali, che erano con lui sulla torretta, videro numerosi detriti scagliati in alto assieme ad un enorme animale marino, che si contorceva. Questo animale era lungo circa venti metri e somigliava vagamente ad un coccodrillo. Dopo una ventina di secondi ricadde in acqua e scomparve alla vista.
Questo episodio non venne registrato nel libro di bordo, ma venne raccontato più tardi dallo stesso von Forstner e venne pubblicato in riviste e libri dei primi anni ’30. In essi comparve anche il seguente disegno del misterioso animale:

Si discute tuttora su quanto accaduto. Secondo alcuni, l’essere potrebbe essere un Mosasauro, rettile marino che si pensava estinto nel Cretaceo, 60 milioni di anni fa.

Lo strano caso del sommergibile U-28ultima modifica: 2010-05-11T21:27:00+02:00da virclarissimus
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento