Gli 8 tipi umani fondamentali

La suddivisione dell’umanità in 8 tipi fondamentali, descritti in questo sito a partire dall’articolo del 25/06/2009, non è una teoria astratta dovuta a qualche psicologo, ma è il risultato di una ricerca empirica (proprio secondo il metodo galileiano).

Questa ricerca è stata iniziata dall’olandese Heymans e completata dal francese Le Senne come segue:

  • Hanno dapprima analizzato un gran numero di biografie e la vita di persone che conoscevano, individuando così tre fattori di base per classificare i caratteri: l’Emotività, l’Attività e la Primarietà/Secondarietà (che danno origine ad 8 combinazioni).
  • Hanno preparato un questionario: le prime 26 domande sono relative ai fattori di base citati sopra, le altre 64 sono relative a tutt’altro: gli interessi politici, religiosi, culturali ecc..
  • Hanno verificato, dalle risposte alle prime domande, che i tre fattori fossero stati scelti bene: ad esempio, sarebbe potuto risultare che non esistono emotivi attivi.
  • Hanno verificato che le caratteristiche risultanti dalle rimanenti domande si distribuissero in maniera coerente sugli 8 tipi.
  • Hanno verificato che i caratteri complessivi venuti fuori dalle risposte corrispondessero effettivamente all’umanità reale.

La mia opinione è che si tratta di una classificazione valida. Chiaramente la realtà è complessa:

  • occorre tenere in conto il peso relativo dei tre fattori: ad esempio, un Collerico che possiede un’ Attività più forte della sua Emotività/Primarietà è diverso da un Collerico che presenta la situazione opposta. Le Senne ha descritto anche queste sfumature.
  • alcune persone si trovano al confine tra due caratteri: è un caso particolare di quanto detto sopra
  • il carattere può essere migliorato/peggiorato (ma non cambiato) dalle esperienze della vita concreta

Ecco una tabella di sintesi (che si aggiunge alle descrizioni già pubblicate) per permettere al lettore di giudicare:

Tipo

Valore

Difetto

Caratteristiche

Aspetti positivi

Aspetti negativi

Nervoso

Emotivo

non Attivo

Primario

I Diversivi

Esagerazione

Ricco di sentimenti, vive nell’attimo presente.

Molto sensibile, è influenzabile e suggestionabile.

Ama attirare l’attenzione altrui.

Amabile, dolce e servizievole.

Sa essere diplomatico.

Gusto artistico.

Vanitoso e superficiale.

Indisciplinato e disordinato.

Di umore variabile, si agita per piccolezze.

Sentimentale

Emotivo

non Attivo

Secondario

 

l’Intimità

Gelosia

Profondità e stabilità dei sentimenti.

Solitario e pessimista, tende a disprezzarsi.

E’ ricco di fantasia, ma anche di dubbi e paure.

Fedele, umile e semplice.

Riflessivo e caritatevole.

Triste, indeciso, poco coraggioso.

Pieno di preoccupazioni e di scrupoli.

Orgoglioso.

Collerico

Emotivo

Attivo

Primario

l’Azione

Collera

Azione, lotta, energia, spirito di iniziativa.

Istinto di dominazione e di potenza.

Ricco di sentimenti e di passioni.

Ama la vita e dice quel che pensa.

Alti ideali, capacità di portare a termine imprese difficili.

Seduttore, simpatico, cordiale e amabile.

Volontà di ferro.

Buon oratore.

Reazioni violente, dure e improvvise.

Temerario, manca di prudenza.

Orgoglioso e vanitoso, non riconosce i suoi difetti mentre critica gli altri.

Passionale

Emotivo

Attivo

Secondario

gli Ideali

Orgoglio

Costante e riflessivo.

Attento alle esperienze del passato.

Non dimentica e non perdona facilmente.

Organizzato, ordinato e testardo.

Semplice, onesto e fedele.

Gran lavoratore, serio e prudente.

Uomo di fiducia, riconoscente.

Ama i grandi ideali e vuole primeggiare.

Impaziente e vendicativo.

Grande amor proprio.

Individualista, vuole essere sempre il migliore.

Sanguigno

non Emotivo

Attivo

Primario

Il Successo

Egoismo

Tollerante, liberale, espansivo, gaio.

Incostante, vive nel presente.

Si lascia guidare dalle apparenze.

Amabile, socievole e servizievole.

Attivo e deciso.

Perdona facilmente.

Egoista e vanitoso.

Può arrivare a servirsi degli altri.

Non ascolta la voce della coscienza.

Flemmatico

non Emotivo

Attivo

Secondario

la Legge

Inflessibilità

Attivo, riflessivo, metodico e tenace.

Realista e pacifico.

Non esprime i suoi sentimenti.

Poco socievole.

Molto equilibrato.

Sobrio, paziente e moderato

Ideali forti e seri.

Semplice e sincero.

Autosufficiente e poco sensibile.

Molto abitudinario.

Non ama lavorare in gruppo.

Lento nel decidere.

Amorfo

non Emotivo

non Attivo

Primario

Il Piacere

Sensualità

Pigro e poco metodico.

Amabile e ottimista.

Si lascia trascinare dall’ambiente.

Fa solo ciò che è obbligatorio.

Molto socievole, ma si lascia guidare dagli altri.

Coraggioso di fronte ai pericoli.

Egoista e privo di ideali, vive nel presente.

Ricerca il piacere e l’ozio.

Apatico

non Emotivo

non Attivo

Secondario

la Tranquillità

Mancanza di Attività

Solitario, non ha amici.

Vive nelle abitudini e nella pigrizia.

Tranquillo e disciplinato.

Tenace nelle sue convinzioni.

 

Passivo, egoista, melanconico e pessimista.

Formalista, rigido e lento nell’azione.

 

Gli 8 tipi umani fondamentaliultima modifica: 2009-11-15T20:59:16+00:00da virclarissimus
Reposta per primo quest’articolo

4 pensieri su “Gli 8 tipi umani fondamentali

  1. La caretteriologia di Le senne… quanti disastri ha combinato questa dottrina creata da un filosofo che ha elaborato negli anni 20-30 una dottrina per classificare le persone con 30 domandine ognuna con le due risposte a cui ognuno rispondeva non per come era , ma per come si percepiva.

    La versione clericale dei tipi junghani….

    Molto in voga tra i salesiani negli anni 70 (mondo erre…) soppiantato poi negli anni ’90 da una latra modo l’enneagramma, che se non altro richiedeva una riflessione personale maggiore e delienava uan dinamic acaratteriale più complessa che non questa basta sul fatto se si superavano le 5 risposte A o B su 3 gruppi di 10.
    La soglia era il 5-5-5 (oronzo canà non c’entrava arrivò dopo)

  2. Maurizio,
    Perchè scrivi: “quanti disastri ha combinato questa dottrina…”?
    Per quanto riguarda la semplicità della classificazione (3 gruppi di domande), a parer mio è un pregio e non un difetto.
    Se poi si valuta anche il peso relativo dei tre fattori (non solo 5-5-5) si ottiene una descrizione maggiormente precisa.
    Ricordiamoci che Le Senne intende classificare il carattere e non la personalità, cosa ben più complessa.

Lascia un commento