l’Apatico

La descrizione dei caratteri umani, iniziata il 25/06/2009 con il post “Introduzione alla Caratterologia“, giunge ora all’Apatico. Si completa così la panoramica sugli 8 caratteri fondamentali, individuati dal filosofo Le Senne. A meno che i lettori di questo blog non si proclamino stufi dell’argomento, gli articoli sulla caratterologia proseguiranno.

L’Apatico è non-emotivo, non-attivo e secondario (il carattere opposto è il Collerico); eccone i punti salienti:

  • Inerzia: l’Apatico non prova interessi, come l’Amorfo; risulta difficile trovare personaggi noti con questo carattere e la sua descrizione non può che essere molto generica.
  • Cupo e predisposto alla melanconia: anche i Sentimentali sono melanconici, ma la loro emotività trasforma la melanconia in riflessioni morali e filosofiche; invece gli Apatici subiscono la melanconia senza neanche capirla.
  • Chiuso e silenzioso: molte delle persone che non ridono mai appartengono a questo carattere.
  • Poco concilianti: sono meno brontoloni dei Sentimentali, ma si riconciliano difficilmente .
  • Testardi: una volta presa un’idea, non l’abbandonano.
  • Tradizionalisti: sono conservatori anche in politica, non per dare vita nuova ai vecchi valori, ma solo perché la tradizione va rispettata e basta.
  • Abitudinari e amanti della disciplina: se però il loro mondo di abitudini crolla, perché ad esempio hanno mal gestito il patrimonio di famiglia, si lasciano andare.
  • Scarso senso pratico: il loro senso pratico e la loro abilità negli affari sono inferiori alla media.
  • Onorabilità e onestà: essendo Secondari, gli Apatici sono degni di fiducia, anche nelle questioni di denaro.
  • Umore sempre uguale: in questo sono simili ai Flemmatici, ma l’umore degli Apatici è portato alla melanconia.
  • Avarizia: è il carattere che conta più avari, forse perché gli avari sono dei solitari, e gli Apatici amano massimamente la solitudine, anche più dei Sentimentali.
  • Crudeltà: non solo gli Apatici sono meno compassionevoli degli altri, ma sono spesso considerati crudeli; i direttori severissimi dei collegi inglesi o irlandesi, che si vedono in certi film ambientati nel secolo scorso, sono tipicamente degli Apatici.
  • Problemi psichici: com’era prevedibile, i caratteri più soggetti a problemi psichici sono quelli emotivi; tra i non emotivi, i più deboli sotto questo punto di vista sono gli Apatici. Ecco la classifica, dal carattere meno resistente a quello più resistente ai problemi psichici:
  • § Sentimentali
    § Nervosi
    § Passionali
    § Collerici
    § Apatici
    § Amorfi
    § Flemmatici
    § Sanguigni

 

Si chiude qui questa breve serie di appunti sul carattere Apatico.

 

l’Apaticoultima modifica: 2009-10-11T11:04:00+00:00da virclarissimus
Reposta per primo quest’articolo

30 pensieri su “l’Apatico

Lascia un commento